Cos'è una riconciliazione bancaria?

La riconciliazione bancaria è la verifica della corrispondenza tra il saldo del conto di contabilità generale che accoglie i movimenti del conto corrente bancario e l'estratto del stesso conto emesso dalla banca.
La necessità di una riconciliazione discende dalla circostanza che il cliente spesso registra l’operazione in un momento che può non coincidere con quello nel quale la stessa operazione è registrata dalla banca.
L’impresa dovrà, pertanto, confrontare l'estratto conto con le risultanze contabili della scheda intestata alla banca al fine di rilevare, ed eventualmente, eliminare gli errori di registrazione. Il controllo viene fatto utilizzando degli appositi documenti conosciuti come prospetti di riconciliazione bancaria.
Essi mettono in evidenza le differenze tra i dati che risultano dall’estratto conto e i dati che risultano dalla contabilità dell’impresa.
Esempio di prospetto riconciliazione bancaria:
 

  • Banca X: riconciliazione al: ......
  • Saldo dell'estratto conto
  • Accrediti risultanti dall'estratto conto ma non dalla contabilità
  • Addebiti risultanti dall'estratto conto ma non dalla contabilità
  • Accrediti risultanti dalla contabilità ma non dall'estratto conto
  • Addebiti risultanti dalla contabilità ma non dall'estratto conto
  • Saldo della contabilità
Ritratto di cordoncina

scritture contabili di riconciliazione bancaria

Salve, una volta fatta la riconciliazione nel caso di addebiti risultanti dall'estratto conto ma non dalla contabilità, perché non è pervenuta la fattura del fornitore, quali sono le scritture contabili da effettuale?
grazie

Ragioneria.com © 2017