Area di consolidamento

Il primo passo del processo di redazione del bilancio consolidato è l'individuazione dell' area di consolidamento ossia dell'insieme delle imprese incluse nel consolidato i cui bilanci sono aggregati mediante la tecnica del "consolidamento integrale".
Sono incluse nell'area di consolidamento tutte le società controllate (definite dall'art. 26 del DLgs n. 127/91), ad eccezione di quelle che abbia caratteri tali da rendere il bilancio consolidato inidoneo a rappresentare con chiarezza e in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria nonché il risultato economico del gruppo (art. 28, comma I, D.Lgs n. 127/91).
Sono previsti alcuni casi di esclusione facoltativa.
Il comma II del citato art. 28 prevede la possibilità di escludere dal consolidamento le imprese controllate quando:

  • l'esercizio effettivo dei diritti dell'impresa capogruppo è soggetto a gravi e durature restrizioni;
  • non è possibile ottenere tempestivamente o senza spese sproporzionate le necessarie informazioni (ad esempio quando il controllo è stato acquisito in prossimità della chiusura dell'esercizio);
  • il possesso della partecipazione abbia come scopo immediato ed esclusivo la sua successiva alienazione.

I confini dell'area di consolidamento sono esposti nella seguente tavola.

Area del consolidamento
Imprese incluse obbligatoriamente Impresa capogruppo e imprese controllate
Imprese che possono essere escluse Imprese controllate di entità irrilevante
Imprese nelle quali l'esercizio dei diritti è soggetto a durature restrizioni
Imprese dalle quali non è possibile ottenere
tempestivamente le informazioni
Imprese detenute allo scopo di una successiva
alienazione
Imprese che devono essere escluse Imprese che operano secondo una direzione unitaria
Partecipazioni non di controllo
Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (3 voti)

© 2014 Ragioneria.com - Grafica e contenuti di proprietà esclusiva