Costi per servizi

La voce include tutti i costi, certi o stimati derivanti dall’acquisizione di servizi nell’esercizio dell’attività ordinaria dell’impresa.
L’elenco che segue ha natura esemplificativa e non esaustiva:
• trasporti (se non addebitati in fattura dai fornitori di materie e merci);
• assicurazioni (se non addebitate come sopra);
• energia elettrica, telefono, telex, acqua, gas ed altre utenze;
• viaggio e soggiorno;
• riparazioni e manutenzioni eseguite da imprese esterne;
• lavorazioni eseguite da terzi;
• consulenze tecniche, legali, fiscali, amministrative e commerciali e revisione contabile;
• pubblicità e promozione;
• provvigioni e rimborsi spese ad agenti e rappresentanti;
• servizi esterni di vigilanza;
• servizi esterni di pulizia;
• royalties e canoni diversi da quelli rilevabili nella voce seguente B8 (ad es.
• management fees corrisposte, nell’ambito dei gruppi, alla società controllante);
• compensi e rimborsi spese ad amministratori, sindaci e revisori esterni;
• costi per il personale distaccato presso l’impresa e dipendente da altre imprese (il corrispondente ricavo, per l’impresa da cui dipende il personale distaccato, è classificabile nella voce A5).
Si rilevano in questa voce anche i costi per prestazioni di servizi riguardanti il personale, ma non rilevabili nella voce B9, come le seguenti:
• prestazioni di personale esterno e altre prestazioni d’opera per mense aziendali,colonie, asili, circoli ricreativi, ecc.;
• costi per mense gestite da terzi in base a contratti di appalto o di somministrazione odi altre forme di convenzione al netto dei costi addebitati ai dipendenti;
• costi di buoni pasto distribuiti ai dipendenti;
• costi per corsi di aggiornamento professionale dei dipendenti;
• costi per vitto e alloggio di dipendenti in trasferta.
Nella voce B7 vanno rilevati anche i costi per i servizi eseguiti da banche ed imprese finanziarie, diversi dagli oneri finanziari veri e propri, come: noleggio di cassette di sicurezza, servizi di pagamento di utenze, costi per la custodia di titoli, commissioni per fidejussioni (purché non finalizzate all’ottenimento di finanziamenti), spese e commissioni di factoring (ma non quelle aventi natura di oneri finanziari), spese per valutazioni di immobili per la concessione di mutui, spese di istruttoria di mutui e finanziamenti, ecc. (ingenerale tutti i costi diversi da interessi e sconti passivi, commissioni passive su finanziamenti e spese bancarie ad essi accessorie).

© 2014 Ragioneria.com - Grafica e contenuti di proprietà esclusiva