Come si rappresenta in bilancio l'avviamento

Come si rappresentano in bilancio l'avviamento - Photo by Alex Knight on Unsplash
Redazione

L’avviamento è l'attitudine di un'azienda a produrre utili che derivino o da fattori specifici che non hanno un valore autonomo, ovvero da incrementi di valore che il complesso dei beni aziendali acquisisce rispetto alla somma dei valori dei singoli beni, in virtù dell'organizzazione delle risorse in un sistema efficiente. Questa guida illustra come esporre queste attività nel bilancio d’esercizio redatto secondo il codice civile.

Indice

Definizione di avviamento

Iscrizione dell’avviamento

Rilevazione iniziale

Definizione di avviamento

L’avviamento è definito dall’ OIC 24, par. 10 «l'attitudine di un'azienda a produrre utili che derivino o da fattori specifici che, pur concorrendo positivamente alla produzione del reddito ed essendosi formati nel tempo in modo oneroso, non hanno un valore autonomo, ovvero da incrementi di valore che il complesso dei beni aziendali acquisisce rispetto alla somma dei valori dei singoli beni, in virtù dell'organizzazione delle risorse in un sistema efficiente».

Iscrizione dell’avviamento

L’avviamento è iscritto nella voce B.1 5), a condizione che soddisfi le seguenti condizioni (OIC 24, par. 55):

  • è acquisito a titolo oneroso (cioè deriva dall’ acquisizione di un’azienda o ramo d’ azienda oppure da un’operazione di conferimento, di fusione o di scissione);
  • ha un valore quantificabile in quanto incluso nel corrispettivo pagato;
  • è costituito all’origine da oneri e costi ad utilità differita nel tempo, che garantiscono quindi benefici economici futuri (ad esempio, conseguimento di utili futuri);
  • è soddisfatto il principio della recuperabilità del relativo costo (e quindi non si è in presenza di un cattivo affare).

Rilevazione iniziale

L’OIC 24, parr. 36-39, stabilisce i seguenti principi di carattere generale:

  • le immobilizzazioni immateriali sono iscritte al costo d’acquisto o di produzione;
  • nel caso in cui il pagamento sia differito a condizioni diverse rispetto a quelle normalmente praticate sul mercato, per operazioni similari o equiparabili, le immobilizzazioni immateriali sono iscritte in bilancio al valore corrispondente al debito determinato ai sensi dell’OIC 19 “Debiti” più gli oneri accessori;
  • i costi iscritti in precedenti esercizi nel conto economico non possono essere ripresi e capitalizzati nell'attivo dello stato patrimoniale, in conseguenza di condizioni che non sussistevano all’epoca e che pertanto non ne avevano consentito la capitalizzazione. In una fattispecie del genere, se la società dovesse continuare anche nell'esercizio successivo a sostenere costi del medesimo tipo per le stesse ragioni (per esempio, perché il progetto avviato non è stato ancora completato), la capitalizzazione dei costi potrà aver inizio solamente a far tempo dal momento in cui tutte le condizioni necessarie per la capitalizzazione sono soddisfatte. Conseguentemente, i costi soggetti a tale trattamento sono solamente quelli sostenuti da quel momento in avanti;
  • la capitalizzazione degli oneri finanziari è ammessa con riferimento al periodo di fabbricazione, inteso come il tempo che intercorre tra l’esborso dei fondi al fornitore e il momento in cui il bene è pronto per l’uso. Il limite della capitalizzazione degli oneri finanziari è rappresentato dal valore recuperabile del bene (sulla misura e sui requisiti per la capitalizzazione degli oneri finanziari si veda l’OIC 16);
  • il passaggio dalla capitalizzazione degli oneri finanziari all’imputazione direttamente a conto economico di tali oneri (o viceversa) costituisce un cambiamento di principio contabile (cfr. OIC 29 “Cambiamenti di principi contabili, cambiamenti di stime contabili, correzione di errori, fatti intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio”).

Ricorda l’OIC 24, par. 54, che ai fini dell’iscrizione e del trattamento contabile, «l’avviamento rappresenta solo la parte di corrispettivo riconosciuta a titolo oneroso, non attribuibile ai singoli elementi patrimoniali acquisiti di un’azienda ma piuttosto riconducibile al suo valore intrinseco, che in generale può essere posto in relazione a motivazioni, quali: il miglioramento del posizionamento dell’impresa sul mercato, l’extra reddito generato da prodotti innovativi o di ampia richiesta, la creazione di valore attraverso sinergie produttive o commerciali, ecc.».

L’OIC 24 precisa, inoltre, che:

  • l’ avviamento generato internamente non può pertanto essere capitalizzato (p. 56)
  • l'avviamento non è suscettibile di vita propria indipendente e separata dal complesso aziendale e non può essere considerato come un bene immateriale a sé stante, oggetto di diritti e rapporti autonomi: esso rappresenta una qualità dell’azienda (p.57).
  • il valore dell'avviamento si determina per differenza fra il prezzo complessivo sostenuto per l'acquisizione dell'azienda o ramo d’azienda (o il valore di conferimento della medesima o il costo di acquisizione della società incorporata o fusa, o del patrimonio trasferito dalla società scissa alla società beneficiaria) ed il valore corrente attribuito agli altri elementi patrimoniali attivi e passivi che vengono trasferiti (p. 58).

Contenuti correlati

Come si valutano le immobilizzazioni immateriali - Photo by rawpixel on Unsplash

Come si valutano le immobilizzazioni immateriali

Il costo delle immobilizzazioni immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo, deve essere sistematicamente ammortizzato in ogni esercizio in relazione con la loro residua possibilità di…

Come si rappresentano in bilancio le altre immobilizzazioni immateriali - Photo by rawpixel on Unsplash

Come si rappresentano in bilancio le altre immobilizzazioni immateriali

Le altre immobilizzazioni immateriali sono iscritte alla voce B.1 7) altre. Tale voce accoglie i costi capitalizzabili che, per la loro differente natura, non trovano collocazione in altre voci.…

Come si rappresentano in bilancio le immobilizzazioni immateriali in corso e acconti - Photo by rawpixel on Unsplash

Come si rappresentano in bilancio le immobilizzazioni immateriali in corso e acconti

Le immobilizzazioni in corso sono rappresentate da costi interni ed esterni sostenuti per la realizzazione di un bene immateriale per il quale non sia ancora stata acquisita la piena titolarità…

Come si rappresentano in bilancio l'avviamento - Photo by Alex Knight on Unsplash

Come si rappresenta in bilancio l'avviamento

L’avviamento è l'attitudine di un'azienda a produrre utili che derivino o da fattori specifici che non hanno un valore autonomo, ovvero da incrementi di valore che il complesso dei beni aziendali…

Come si rappresentano in bilancio i beni immateriali - Photo by John Adams on Unsplash

Come si rappresentano in bilancio i beni immateriali

I beni immateriali sono beni non monetari, individualmente identificabili, privi di consistenza fisica e sono, di norma, rappresentati da diritti giuridicamente tutelati. Questa guida illustra…

Come si rappresentano in bilancio gli oneri pluriennali - Photo by Fabian Blank on Unsplash

Come si rappresentano in bilancio gli oneri pluriennali

Gli oneri pluriennali sono costi che non esauriscono la loro utilità nell'esercizio in cui sono sostenuti e sono diversi dai beni immateriali e dall’avviamento. Gli oneri pluriennali generalmente…

Come si rappresentano in bilancio le immobilizzazioni immateriali - Photo by Anthony Cantin on Unsplash

Come si rappresentano in bilancio le immobilizzazioni immateriali

Le immobilizzazioni immateriali sono attività normalmente caratterizzate dalla mancanza di tangibilità. Esse sono costituite da costi che non esauriscono la loro utilità in un solo periodo ma…