Qual è la differenza tra capitale proprio e capitale di terzi

Qual è la differenza tra capitale proprio e capitale di terzi Photo by Patrick Weissenberger on Unsplash
Redazione

Le imprese per svolgere la propria attività hanno bisogno di capitali che servono per soddisfare le necessità finanziarie per gli investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali (impianti, macchinari, software, ecc) e le necessità correnti (acquisto delle merci, pagamento degli stipendi ai dipendenti, ecc.).

Il fabbisogno ha, quindi, origini varie e deve essere attentamente analizzato e valutato per individuare lo strumento finanziario corretto per soddisfare le proprie necessità. La combinazione di strumenti di finanziamento e soggetti finanziatori può condizionare infatti in misura significativa il successo di un’impresa.

I mezzi acquisiti possono assumere la forma di:

  • capitale proprio;
  • capitale di terzi.

Capitale proprio

La prima fonte di finanziamento è rappresentata dai mezzi propri conferiti dai soci al momento della costituzione dell’impresa o in una successiva fase di sviluppo. L’imprenditore assume il rischio e la responsabilità gestionale, detenendo il potere decisionale e il controllo dell’impresa. Chi conferisce capitale proprio nell’impresa si attende un rendimento (un utile), ovvero la creazione di valore, anche monetizzabile mediante la vendita delle quote aziendali.

Capitale di terzi

Qualora la disponibilità di capitale proprio sia esaurita o insufficiente, è possibili ricorrere ai terzi, ossia a soggetti diversi dai soci.

Ci sono diverse forme tecniche per tali finanziamenti, ognuna delle quali ha caratteristiche che comportano differenti oneri per l’impresa e differenti aspettative da parte dei finanziatori.

Per il soggetto finanziatore il rimborso del prestito e il flusso di interessi rivestono un ruolo centrale. Pertanto, il finanziatore valuta la solvibilità dell’impresa (anche mediante l’utilizzo di sistemi di rating) ed eventualmente richiede delle idonee garanzie. Nella determinazione del tasso di interesse considera i tassi di mercato rispetto al profilo di rischio del soggetto finanziato.

Tipologie di capitale di terzi

Il capitale di terzi è a sua volta distinto tra:

  • Debiti di funzionamento, ossia quelli verso i fornitori o altri creditori a breve termine;
  • Debiti di finanziamento, ossia i prestiti a medio e lungo termine e i debiti verso le banche.

Con riferimento alla loro durata, i finanziamenti esterni dono di norma suddivisi in:

  • breve termine, con durata inferiore a un anno;
  • medio termine, con durata maggiore di un anno e minore di cinque anni;
  • lungo termine, con durata superiore a cinque anni.

Contenuti correlati

Obbligazioni convertibili

Obbligazioni convertibili: aspetti contabili e di bilancio

Le obbligazioni convertibili, oltre al diritto al rimborso del capitale prestato e degli interessi, attribuiscono al titolare il diritto alla conversione in azioni da liberare mediante la somma…

Aumento gratuito di capitale sociale nelle società di capitali

Aumento gratuito di capitale sociale nelle società di capitali

L’aumento gratuito del capitale sociale è disciplinato per le società per azioni dall'art. 2442, c.c., il quale stabilisce che «l’assemblea può aumentare il capitale, imputando a capitale le…

Come finanziare l’azienda con capitale proprio

Come finanziare l’azienda con capitale proprio

La necessità di ulteriori mezzi finanziari può essere soddisfatta mediante l’apporto di capitale proprio che può avvenire mediante:

  • conferimento di ulteriore capitale da parte dei…
Qual è la differenza tra capitale proprio e capitale di terzi Photo by Patrick Weissenberger on Unsplash

Qual è la differenza tra capitale proprio e capitale di terzi

Le imprese per svolgere la propria attività hanno bisogno di capitali che servono per soddisfare le necessità finanziarie per gli investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali (impianti…

Qual è la differenza tra versamenti in conto capitale e finanziamenti erogati dai soci

Qual è la differenza tra finanziamenti erogati dai soci e versamenti aventi natura di capitale

Nella pratica societaria, in particolare delle società di capitali, si ricorre spesso ai versamenti dei soci a favore della loro società, ma il significato di questa espressione non è sempre…

Misure per garantire la continuità aziendale Photo by Álvaro Serrano on Unsplash

Decreto liquidità: misure per garantire la continuità aziendale nella fase dell’emergenza

Il Decreto Legge 8 aprile 2020, n. 23  (cd Decreto liquidità) introduce, tra l'altro, misure urgenti per garantire la continuità aziendale nella fase dell’emergenza. Si fa riferimento, in…

Decreto Liquidità: intervento straordinario per le imprese Photo by Linus Nylund on Unsplash

Decreto Liquidità: intervento straordinario per le imprese

Con il decreto approvato il 6/4/2020 dal Consiglio dei Ministri il governo ha stanziato:

  • 200 miliardi di prestiti garantiti dallo Stato fino al 90% per tutte le imprese;
Moratoria per micro imprese e Pmi Photo by Artem Gavrysh on Unsplash

Moratoria per micro imprese e Pmi

Il decreto legge “Cura Italia” (art. 56) prevede una moratoria per le micro (le cc.dd. partite IVA), piccole e medie imprese (PMI), i…