Salta al contenuto principale

15.b - Proventi da partecipazioni in imprese collegate

XBRL Data
Bilancio Consolidato
Si
Bilancio Individuale
Si
Bilancio Abbreviato

15.b - Proventi da partecipazioni in imprese collegate

Bilancio Micro

15.b - Proventi da partecipazioni in imprese collegate

Struttura Bilancio
Conto economico
Risultato prima delle imposte (A - B + - C + - D)
C) PROVENTI ED ONERI FINANZIARI

15 - Proventi da partecipazioni

Livelli della struttura del bilancio a cui si riferisce la voce
Analisi di bilancio
Bilancio Riclassificato
Raccordo con la voce del bilancio riclassificato

OIC

Valutazione e rilevazioni successive

I dividendi sono rilevati nel momento in cui, in conseguenza della delibera assunta dall’assemblea dei soci della società partecipata di distribuire l’utile o eventualmente le riserve, sorge il diritto alla riscossione da parte della società partecipante.
Il dividendo è rilevato come provento finanziario indipendentemente dalla natura delle riserve oggetto di distribuzione. La società partecipante verifica che, a seguito della distribuzione, il valore recuperabile della partecipazione non sia diminuito al punto tale da rendere necessaria la rilevazione di una perdita di valore.

Contenuto

Nelle tre voci della classe C vengono rilevati tutti i componenti positivi e negativi del risultato economico d’esercizio connessi con l’attività finanziaria della società, anche per le imprese per le quali tale area costituisce l’attività caratteristica della gestione (ad esempio, holding di partecipazioni industriali e commerciali, tenute a redigere il bilancio in base alle disposizioni del codice civile).

In questa voce sono rilevati per competenza (indicando separatamente in apposite sotto-voci quelli provenienti da partecipazioni in imprese controllate e in imprese collegate e quelli derivanti da controllanti e imprese sottoposte al controllo di queste ultime) tutti i proventi derivanti da partecipazioni in società, joint venture e consorzi, iscritte sia nelle immobilizzazioni finanziarie sia nell’attivo circolante.

Si tratta principalmente dei seguenti proventi:
− dividendi su partecipazioni al lordo delle eventuali ritenute. I dividendi sono rilevati nell’esercizio in cui ne è stata deliberata la distribuzione (cfr. paragrafo 58 dell’OIC 21 “Partecipazioni”);
− plusvalenze da alienazione (compresa la permuta) di partecipazioni iscritte nell’ attivo immobilizzato o nell’attivo circolante;
− ricavi da vendita di warrants e di diritti di opzione su titoli partecipativi;
− utili distribuiti da joint venture e consorzi;
− eventuali utili in natura distribuiti da imprese partecipate, anche in sede di liquidazione;
− plusvalenze derivanti dalla cessione di azioni della società controllante.

Classificazione e contenuto delle voci

I proventi dell'investimento in partecipazioni costituiti dai dividendi sono rilevati nella voce C15) “proventi da partecipazioni”, con separata indicazione di quelli relativi ad imprese controllate, collegate e di quelli relativi a controllanti e a imprese sottoposte al controllo di queste ultime. Non rileva, ai fini della classificazione, il fatto che la partecipazione sia iscritta nelle immobilizzazioni o nell’attivo circolante.

Gli utili o le perdite che derivano dalla cessione di partecipazioni immobilizzate o iscritte nel circolante, quale differenza tra il valore contabile e il prezzo di cessione, sono iscritti rispettivamente nella voce C15) “proventi da partecipazioni”, con separata indicazione di quelli relativi ad imprese controllate, collegate e di quelli relativi a controllanti e a imprese sottoposte al controllo di queste ultime, e nella voce C17) “interessi e altri oneri finanziari”, con separata indicazione di quelli relativi ad imprese controllate, collegate e di quelli relativi a controllanti e a imprese sottoposte al controllo di queste ultime.