Salta al contenuto principale

OIC 2 - Patrimoni e finanziamenti destinati ad uno specifico affare: 5. natura e rappresentazione contabile degli “apporti” dei terzi - strumenti finanziari di partecipazione all’affare

Riferimenti OIC
PARTE PRIMA PATRIMONI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE
5. Natura e rappresentazione contabile degli “apporti” dei terzi
Descrizione

La società può emettere, a norma dell’art. 2447-ter, comma 1, lett. e), strumenti finanziari di partecipazione all’affare, con la specifica indicazione dei diritti che essi attribuiscono. Tali strumenti verranno emessi, verosimilmente, soprattutto a fronte degli “apporti” di terzi e potranno dar luogo a diverse “categorie” a seconda dei diversi diritti patrimoniali e/o amministrativi che conferiscono ai loro possessori, i quali, riuniti in apposite assemblee “speciali”, dovranno deliberare sulla nomina e revoca di un rappresentante comune per ciascuna categoria, sulla costituzione di un fondo comune per le spese, sulle modificazioni dei diritti attribuiti agli strumenti finanziari, sulle controversie con la società e su altre questioni di interesse comune a ciascuna categoria (art. 2447- octies).
In relazione agli strumenti finanziari emessi, la società deve tenere un apposito libro (analogo al “libro delle obbligazioni”) indicante le loro caratteristiche, l’ammontare di quelli emessi e di quelli estinti, le generalità dei titolari di strumenti nominativi, i vincoli ad essi relativi ed i trasferimenti dei titoli.