Salta al contenuto principale

OIC 34 - Ricavi: vendite con opzioni di riacquisto e vendite condizionate - 26

Riferimenti OIC
MOTIVAZIONI ALLA BASE DELLE DECISIONI ASSUNTE
Vendite con opzioni di riacquisto e vendite condizionate
Descrizione

Al fine di evitare che si generasse divergenza nella prassi, l’OIC ha introdotto nel principio una disciplina ad hoc per tali transazioni. Tale disciplina muove dall’assunto di base che una società rileva i ricavi solo quando è ragionevolmente certa che il bene venduto non le venga restituito. Questo può accadere nelle vendite con diritto di reso, ma anche in altre transazioni come appunto le vendite con opzione di riacquisto (i.e. vendite con opzione call in capo al venditore e vendite con opzione put in capo al cliente) e le vendite condizionate (e.g. il bene deve essere restituito se si verifica un determinato evento). In tutti questi casi il principio richiede che sia soddisfatto il requisito della ragionevole certezza per l’iscrizione del ricavo. Il principio, inoltre, specifica che la valutazione della ragionevole certezza tiene conto, se rilevante: dell’esperienza storica, degli elementi contrattuali e dei dati previsionali e che, nel caso di vendite con opzioni call o put, tra gli elementi contrattuali particolare rilievo assume il prezzo di esercizio dell’opzione. Ad esempio, è logico aspettarsi che una società eserciterà un’opzione call quando il prezzo di esercizio è significativamente inferiore al prezzo di mercato.